I MERCATI SONO CARI?

Partiamo con una notizia di stamattina che vi riporto così come descritta da Bloomberg:

“Bubbles in U.S. and European markets could burst because their rallies are heading in the opposite direction of their underlying economies and will have to face corrections “sooner or later,” Guo Shuqing, chairman of the China Banking and Insurance Regulatory Commission and Party secretary of the central bank said at a briefing in Beijing on Tuesday”.

Sostanzialmente il potente Guo Shuqing presidente della” China Banking and Insurance Regulatory Commission” mette in guardia dall’enorme Bolla che si è creata sui mercati finanziari mondiali i quali sono completamente scorrelati e vanno nella direzione opposta alle economie sottostanti e pertanto sono a rischio di forte correzione.

In un altro passaggio si dice anche preoccupato per un possibile scoppio in Cina di una Bolla Immobiliare.

Effettivamente se guardiamo i mercati Finanziari e analizziamo i prezzi in termini assoluti sono obiettivamente molto cari e lo dicono molti indicatori

Bisognerebbe però distinguere tra mercati e settori

Non tutti i mercati e settori hanno prezzi molto tirati

Ad esempio il mercato a larga capitalizzazione europeo è sicuramente meno caro di quello americano sopratutto rispetto al Nasdaq e quello cinese sembrerebbe avere ancora spazio per tutta una serie di considerazioni.

Sicuramente le Aziende a piccola capitalizzazione europee possono avere più spazio di corsa rispetto ad altri titoli a maggiore capitalizzazione..e così via si potrebbero fare mille analisi.

Oggi però non voglio entrare nel merito di quale mercato,settore sia più conveniente bensì voglio solo fare un ragionamento prendendo come esempio il mercato americano in quanto è sicuramente il mercato guida e che trascina la maggior parte dei mercati mondiali.Una possibile correzione dello S&P500 avrebbe sicuramente riflessi negativi su tutto il pianeta.

Secondo il grafico qui sotto”Buffet indicator” siamo a livelli di bolla molto vicini a quella del 2.000 .

Tale grafico misura il rapporto tra la capitalizzazione di mercato USA ed il Prodotto interno lordo (GDP)

Il rialzo inoltre è guidato da pochi titoli e quindi l’indice di correlazione è ai minimi storici.In passato ha sempre predetto una correzione imminente

ma tale correzione è imminente davvero?

 

Uno dei parametri che utilizzo spesso per capire a che punto siamo e cosa devo aspettarmi nel breve è appunto il Fear e Greed index.Sulla sua utilità e su come funziona ne avevo già parlato in questo Podcast ” Come scegliere il momento giusto sui mercati “

In questo momento segnala sicuramente un livello di avidità moderato ma non ancora estremo e quindi non sembra imminente una correzione.

Lo stesso grafico della Borsa USA lo S&P500 è perfettamente sulla linea del Trend !

Ma cosa potrebbe innescarla?

Come ho spiegato all’inizio il mercato è caro in termini assoluti ma non lo è in termini relativi rispetto al mondo obbligazionario !!

Come ti ho spiegato varie volte viviamo in un mondo a Tassi zero o molto bassi

A fine Febbraio però è iniziato un fenomeno che ha iniziato a preoccupare i mercati ed ha generato una prima piccola correzione che in questi giorni stà rientrando .

Che Fenomeno?

I tassi di Interesse decennali hanno iniziato a salire e contemporaneamente la Borsa ha iniziato a scendere.

Tale Fenomeno è la risposta alla domanda che ho posto su cosa potrebbe essere l’innesco di una correzione che da molti esperti potrebbe oscillare nell’intorno del 10/15%

La Paura dell’Inflazione ovvero la risalita dei tassi di interesse sarà il Catalist!

Che cosa fare dunque?

Bisogna prepararsi in anticipo perché come ho spiegato molte volte bisogna agire e non reagire.Se aspetti la correzione la subisci !

Bisogna avere un Piano Finanziario!

Come Farlo?

Ovviamente ogni piano Finanziario tiene conto di aspetti ed esigenze assolutamente personali e pertanto vanno approfonditi in altra sede.

Possiamo fissare una videocall gratuita e parlarne senza impegno

In ogni caso sul mio Blog “Cultura Finanziaria” puoi trovare molti spunti utili ed anche del materiale gratuito e puoi sempre farmi delle domande a cui io risponderò con piacere.

Se hai trovato utile questo contenuto per cortesia lascia un commento e condividilo.

Il tuo contributo è prezioso per aiuatre altre persone ad avere informazioni indipendenti e libere da conflitti di interesse.

Buona Cultura Finanziaria!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *